Cosa non fare col rel=canonical

Ho scoperto con un po’ di ritardo che le specifiche del rel=canonical sono state pubblicate in una RFC, la numero 6596.

Canonical relationPer chi non fosse pratico di Internet, basti sapere che le RFC sono i documenti che, tra le altre cose, definiscono il funzionamento di protocolli e standard usati sulla rete.

Nel caso del canonical, non si è arrivati a considerarlo un vero e proprio standard ma la RFC pubblicata di recente è la cosa che si avvicina di più ad un documento di linee guida ufficiali/ufficiose.

Io vi invito a leggere l’intero documento e mi limiterò ad evidenziare in questo breve post solo alcune delle cose che la RFC suggerisce di non fare col canonical.

Per comodità userò l’espressione informale “rel=canonical”, do per scontato che sappiate bene di che si tratta e di come tale relazione va esplicitata nel codice delle pagine HTML o nelle intestazioni HTTP.

Niente redirezioni permanenti

L’URL indicato come canonico non dovrebbe restituire un codice HTTP 301 o 300, in altre parole non dovrebbe essere una redirezione di tipo permanente.

Niente catene di rel=canonical

L’URL indicato come canonico non dovrebbe a sua volta presentare un altro rel=canonical indicante un URL diverso.

Nota mia: i rel=canonical non sono redirezioni lato server e quindi è sconsigliato creare catene di rel=canonical così come invece accade di creare catene di redirezioni.

Niente status di errore

L’URL indicato come canonico non deve restituire uno status HTTP della famiglia 4xx. Ovvero, la risorsa indicata non deve essere un errore 404 o di altro genere.

Paginazione

In caso di paginazioni, le pagine successive alla prima non dovrebbero presentare nel proprio rel=canonical l’URL della prima pagina dell’elenco.

La ragione è che l’URL indicato come canonico dovrebbe ospitare i contenuti degli URL che lo indicano come canonico.

Nota mia: per le paginazioni è corretto usare le relazioni di tipo “next” e “prev”.

P.S.
Pensavo che sarebbe interessante parlare di argomenti simili in qualche evento. Giusto per dire.

4 Responses to Cosa non fare col rel=canonical

  1. trancedesigner scrive il 21 June 2012 at 18:19

    Pare solo buon senso…

  2. Fede scrive il 21 June 2012 at 19:25

    aggiungo che, almeno da “best practice di google”, è suggerito utilizzare il rel=”canonical” sulle “pagine di paginazione” se esiste una “pagina view-all”

    => http://googlewebmastercentral.blogspot.it/2011/09/view-all-in-search-results.html

    To better optimize your view-all page, you can use rel=”canonical” from component pages to the single-page version;

    ciau

  3. Gianluca Fiorelli scrive il 25 June 2012 at 18:24

    Nel caso della pagination e se si fa uso del rel prev e rel next, il canonical può essere usato (anzi si consiglia di usarlo) ma sempre in modo autoreferenziale.

  4. Mirco scrive il 10 July 2012 at 12:14

    Saggi consigli

Lascia un commento

More in Just SEO
Aumentare il CTR sulle SERP usando titoli alternativi

Già da diversi anni si è persa corrispondenza tra i testi che i gestori dei siti inseriscono nel tag TITLE...

Close