SEO e down Aruba: conseguenze, contromisure e prevenzione

E’ di questa mattina la notizia che mezza Italia è down a causa di un “principio d’incendio” in Aruba.it.

PC in fiammeScrivo questo brevissimo post nel tentativo di riassumere quali sono le conseguenze SEO di un evente simile e che contromisure potrebbero essere prese per evitare danni in futuro.

Va da sé che la quantificazione dei danni subiti dal down di un sito è strettamente correlata alla necessità del sito di rimanere online: siti che vivono di pageview perdono denaro ogni singolo secondo che non sono online. Siti la cui sopravvivenza è meno legata alle pageview e alla presenza online costante, possono subire danni economici minori, anche se mai nulli.

Conseguenze SEO

Quando un sito è down, il motore di ricerca tenta e ritenta di collegarvisi più volte, nel tentativo di comprendere la durata e gravità del fenomeno. Questo è vero sopratutto per i motori che hanno un crawling esteso e attento, come Google.

Nel caso in cui il down di un sito duri poco (fino a qualche ora) le ripercussioni sulla visibilità del sito sono minori: il sito può in teoria scendere di posizione nelle SERP, ma in modo contenuto. A volte la posizione rimane invariata.

Nel caso in cui il down di un sito duri molto di più, da 24 ore in su, le ripercussioni si fanno più serie, non solo perché la discesa nelle SERP è maggiore ma anche perché i tempi di risalita dopo la riattivazione del sito possono essere più lenti.

A prescindere dalla durata del down (poche ore o qualche giorno) in tutti i casi che ho osservato negli anni, i siti web sono sempre ritornati alle posizioni originarie, anche se la velocità di riacquisizione delle posizioni può essere lenta: da qualche ora a qualche giorno.

Contromisure SEO

Nel caso in cui l’intero server sia down ed il web server non è in grado di erogare nemmeno una risposta HTTP del tipo 503 (Service unavailable), allora non c’è modo di informare gli spider dei motori del disservizio temporaneo attraverso quegli stessi server.

Se però i server DNS del sito sono gestiti da una struttura differente da quella che gestisce i server temporaneamente down, è allora possibile modificare i record DNS in modo da farli puntare ad un host diverso. Se sul nuovo host è presente una copia del sito, esso tornerà raggiungibile e gli spider dei motori se ne renderanno conto in tempi solitamente brevi.

Nello specifico caso odierno di Aruba, chi aveva presso di loro sia i server web sia i server DNS, si attacca al tram.

Prevenzione per il futuro

  • Usare gestori diversi per server DNS e server web
  • Individuare un host che offra un servizio di ridondanza dei dati, su reti e infrastrutture non dipendenti da un unico fornitore
  • Qualcuno di voi saprebbe segnalarne altre nei commenti al post?

20 Responses to SEO e down Aruba: conseguenze, contromisure e prevenzione

  1. Tipubblicizzo scrive il 29 April 2011 at 10:35

    Ottimo post Enrico, diciamo che aldilà di diversi gestori per i server DNS non ci sono tante soluzioni alternative.
    L’unica cosa che mi viene in mente (limitando i danni) è quella di migrare verso server più stabili e sicuri, ma in Italia niente di tutto questo.

    Come servizi di host, ho provato Namecheap e Netson, che hanno minori problematiche ma sicuramente un’assistenza tecnica impeccabile, rapida ed esaustiva.

  2. niguli scrive il 29 April 2011 at 10:36

    1) passare tutto su register.it 😀
    2) mettere un Unlike qui: http://www.youtube.com/watch?v=tragbw6myPs

    PS: ottimo articolo Enrico

  3. Andrea Scarpetta scrive il 29 April 2011 at 10:38

    Usare una CDN potrebbe consentire di rintuzzare almeno la botta, ma se il mio sito fa uso di un database e quello è centralizzato, il mio sito non funzionerà comunque!

    Una cosa è certa, se il mio sito è importante è bene che io abbia il mio server dedicato con un mirror da qualche altra parte, diverse server farm decenti hanno sedi separate che si mirrorano, quindi in un caso come questo la farm “alternativa” entrerebbe in funzione.

  4. andrea scarpetta scrive il 29 April 2011 at 10:40

    Register.it ha alcune problematiche noiose, tipo che quando sposti la gestione del dominio altrove, smettono _immediatamente_ di rispondere alle richieste dns e quindi durante i giorni di migrazione dei dns, per una parte degli utenti e dei motori il tuo sito _CESSA DI ESISTERE_.

    Io non lo raccomando.

  5. Daniele scrive il 29 April 2011 at 10:44

    A mio giudizio la soluzione migliore
    non è avere copie di siti su due macchine, con tutte le conseguenti complessità di gestione delle sincronizzazioni,
    ma avere macchine virtuali definite su strutture hardware ridondanti e presenti su datacenter diversi.
    Quindi la soluzione è cercare il fornitore tecnologico che risolve per te questi problemi.
    Io ho sposato NGI da qualche anno, risolvendo metà dei problemi del settore,
    ma sto guardando con molto interesse i nuovi servizi si SEEWEB che sembra risolvano all’origine anche il problema di disaster recovery del datacenter … sembra …

  6. Andrea 'simplex' Zulato scrive il 29 April 2011 at 10:45

    Io non raccomando *niente* che sia in Italia.

  7. uale75 scrive il 29 April 2011 at 10:46

    Non ha a che fare con il SEO ma con Adwords e può sembrare banale ma nel “panico” totale che può procurare un evento simile soprattutto se vendi online ci si può dimenticare delle proprie campagne Adwords: bloccarle immediatamente, perchè si perdono un bel po’ di soldi.

  8. don scrive il 29 April 2011 at 10:49

    Secondo voi dal punto di vista seo ( non considerando i casi di down, attacchi ai server ecc ma posto che tutto funzioni) stare su un server aruba può penalizzare rispetto a stare su altri hosting o rispetto ad avere un server privato? Cutts dice di no ma… secondo voi?

    • LowLevel scrive il 29 April 2011 at 10:55

      @don: No, a meno che tu non abbia la sfiga di capitare su server utilizzati esclusivamente (o in gran prevalenza) per fini spam e potenzialmente “marchiati” da Google come “cattive compagnie”. Ma questo per gli shared hosting non avviene perché su un server ci va a finire ogni tipologia di sito.

      Riguardo le “cattive compagnie”, consiglio di dare un’occhiata al Neighbourhood Checker di MajesticSEO.

      My two cents.

  9. Alessandro scrive il 29 April 2011 at 10:53

    L’incendio di Aruba in una immagine: http://img821.imageshack.us/i/incendioarubabyemessage.jpg/

  10. Markus_292 scrive il 29 April 2011 at 11:17

    …come sempre puntuale e preciso LowLevel!

  11. Giacomo Pelagatti scrive il 29 April 2011 at 11:20

    3) Prima di mettere online una pagina di emergenza, assicuratevi che abbia un NOINDEX.

  12. Matteo Monari scrive il 29 April 2011 at 11:50

    Ottimo post – come in tutte le cose c’è anche un’altra faccia della medaglia, anche se un po’ “black”.. 😉 http://www.matteomonari.com/seo/aruba-prende-fuoco-non-approfittatevene/

  13. Giacomo Pelagatti scrive il 29 April 2011 at 12:12

    Ciao Matteo, credo/spero che il “giochino” che hai malignamente :) suggerito sul tuo blog non servirebbe a molto, considerando che Google è in grado di accorgersi con estrema facilità di un down diffuso come quello odierno (che ha interessato alcuni milioni di domini), e determinare perciò che non si tratta di un problema riconducibile a un singolo sito.

    Lo stesso Google Chrome, nel caso di un problema di connettività riscontrato da molti utenti contemporaneamente, può visualizzare un avvertimento come questo: http://twitpic.com/4qwt1q

  14. Matteo Monari scrive il 29 April 2011 at 12:58

    Giacomo, credo/spero bene anche io (da coinvolto nel down in primis).

    Mi è sembrata l’occasione “giusta” (maliziosamente parlando) per parlare di questa funzione che in pochi penso conoscano. Il post, come scritto in un tweet, è da prendere con la leggerezza con cui è scritto (e con la leggerezza dell’impatto che le segnalazioni citate hanno – specie in queste situazioni).

  15. Cerino scrive il 29 April 2011 at 14:25

    Concordo su quanto detto da @giacomo Pelagatti. Un down così diffuso, difficilmente passa “inosservato” a Google…anche se le penalizzazioni a livello SERP le faranno comunque.. :(

  16. Giacomo Pelagatti scrive il 29 April 2011 at 15:51

    Volevo rettificare quanto scritto in questo commento: l’uso di NOINDEX abbinato a uno status code 200 potrebbe causare la deindicizzazione dell’URL. La cosa giusta da fare è erogare un codice di stato HTTP 503, eventualmente abbinato a un messaggio di errore user-friendly nel body (esempio).

  17. Raffaello Tolfa scrive il 30 April 2011 at 09:00

    Altro problema è di chi come me si è accorto dopo anni di pagare un gestore, con diversi piani plesk, che aveva “parcheggiato” tutto sulla farm di Aruba ad Arezzo. E dire che da anni consigliavo ai miei clienti di non andare su Aruba, che imbarazzo ieri spiegarlo a tutti…

  18. Matteo scrive il 30 April 2011 at 11:55

    non è necessarimanete vero che i gestori siano diversi , parlo del dns , basta solo che l’infrastruttura possa garantire più nodi remoti .
    è inutile avere repliche e balle varie se poi i dati sono replicati presso lo stesso DC .

  19. Pingback: Sito down, Google e SEO: un vantaggio se il sito non è il tuo.

Lascia un commento

More in Just SEO
Ciò che realmente Google vede

Per anni i SEO hanno ottimizzato le pagine web sapendo che certi elementi, che fossero testi o link, era valutati...

Close