Un SEO deve soffrire di curiosità patologica

Una bambina curiosa

Photo by Paulius


Un SEO deve soffrire di curiosità patologica. Deve essere mosso dall’incessante desiderio di scoprire l’assassino, di smontare il giocattolo per capire come funziona, di acquisire quante più informazioni utili possibili, di elaborarle per trarne indizi, evidenze e pistole fumanti. Deve nutrirsi di dati, deve imparare a poter mettere in discussione tutto, porre domande scomode, fare critiche sensate e produttive, deve andare oltre l’acquisizione di informazioni e soffermarsi sul loro significato per scoprirne le cause, intuirne i futuri effetti e stimare le tendenze dei fenomeni osservati. Deve circondarsi di interrogativi, di questioni aperte e di quesiti insoluti, perché l’interesse a rispondere alle domande è poca cosa al confronto della prospettiva di poter estendere le proprie conoscenze. E la curiosità non può essere blanda e cortese, deve manifestarsi in una malattia feroce, un male interiore inciso nel DNA, una incurabile condizione patologica che solo per fortuna è stato possibile trasformare in un talento, grazie ad un mestiere assurdo fatto per folli. Un SEO deve essere un rompicoglioni invadente, perché “ottimizzare” significa semplicemente “migliorare” e se vuoi migliorare qualcosa, da un sito web ad un’azienda, devi necessariamente inquisire tutto, di tutti e costantemente.

3 Responses to Un SEO deve soffrire di curiosità patologica

  1. andrea "gareth jax" Scarpetta scrive il 19 June 2013 at 21:29

    hai dimenticato di mettere l’autore del guest post!

  2. Andrea scrive il 20 June 2013 at 09:10

    Si è fatto condizionare dalla critica dei post troppo lunghi 😀

  3. Andrea Cappello (@andreacappello) scrive il 20 June 2013 at 17:09

    diciamolo, un seo non è una persona perfettamente a posto, più è bravo, più è fuori dagli standard … 😉

Lascia un commento

More in Just SEO
I siti veloci hanno ranking migliori? Macché, è una bufala!

Nel 2010 il blog ufficiale di Google dedicato ai webmaster ha pubblicato un post che annunciava che la velocità dei...

Close